Tag Archives: Vita

Da “Je suis Charlie” a “Kill Charlie”

Charlie insomma, secondo i medici, i giudici ed il Ministro Johnson, deve essere ucciso. Non ci inganniamo utilizzando la diversa e più accettabile locuzione “deve essere lasciato morire”: nessun neonato si alimenta da sé, certo il biberon non è considerato dispositivo medico; non avremmo dubbi – morali e giuridici – nel sostenere che non alimentare un neonato equivale ad ucciderlo. Non c’è differenza ontologica fra togliere a Charlie il sondino e non allattare mia figlia. Vi sono molti temi che la vicenda lascia aperti e…

Read More »

“Eutanasia” omicidio di Stato

In vent’anni di lavoro sui disabili gravissimi abbiamo visto di tutto. Abbiamo una paziente che si definisce atea, da anni attaccata a un ventilatore, ma sostiene che la sua vita è piena. Abbiamo poi molti malati di Sla, e solo due ci hanno chiesto di non essere tracheotomizzati, com’é già loro diritto senza bisogno di leggi nuove, quindi li seguiamo con cure palliative per morire naturalmente, senza alcuna eutanasia ma anche senza soffrire: è la volontà di una persona lucida che dice ‘questa cura straordinaria…

Read More »

Se il coma non è poi così irreversibile

Leggo di una donna palermitana, ricoverata presso il Centro Neurolesi “Bonino-Pulejo” di Messina e risvegliatasi, così come in altri casi già avvenuto, dopo essere rimasta quasi quattro anni in coma “irreversibile”. La donna, che era stata colpita da aneurisma, è adesso paralizzata e dovrà sottoporsi all’opportuna terapia riabilitativa però, come riferiscono medici e familiari, non solo è lucida e cosciente, ma addirittura durante il periodo di coma ha continuato a percepire ciò che le accadeva intorno tanto che, appena svegliatasi, ha riconosciuto e chiamato per…

Read More »

Eroi pro life

E’ spesso acceso il dibattito – lo scontro – tra pro choice e pro life, tra abortisti e antiabortisti, tra – per usare le categorie di San Giovanni Paolo II nella Evangelium vitae – propugnatori di una cultura della morte e difensori di una cultura della vita. E spesso questo dibattito-scontro ruota intorno ad una semplice ma fondamentale questione: il concepito nel grembo materno è qualcosa oppure è qualcuno? Da questa risposta discendono evidentemente delle conseguenze estremamente diverse nel contrapporsi delle idee degli uni e degli…

Read More »

L’uomo che diventerà

«Il bambino, che si chiama come il suo celebre nonno, ha circa cinque anni ed è un ragazzino molto impaziente e dalla carnagione olivastra. Suo padre spiega la vela, poi si siede alla manovra a ritroso con il bambino al suo fianco. Con un gran sorriso, Shimon posa la manina sulla barra del timone, convinto di avere il comando dell’imbarcazione. Senza essere visto, anche suo padre tiene la sua grande mano sul timone, e fa tutto il lavoro. Noi tre uomini ci godiamo la felicità…

Read More »

I Forconi parte di un popolo vivo

Dopo quasi due settimane dall’inizio dei blocchi i Forconi, nonostante tutto, appaiono ancora vitali, né si può dire con certezza se e quando si spegneranno o in cosa eventualmente si evolveranno. Certamente si tratta di una realtà complessa e controversa e per risolvere sbrigativamente la faccenda si sarebbe tentati di soffermarsi solo sull’ambiguità di qualcuno dei leader, sulla violenza di qualche frangia, sui dubbi circa l’efficacia di una protesta del genere, sui tentativi di attribuirsela da parte di qualche gruppo o ambiente. Sarebbe però un…

Read More »

Cicatrici

Sono molto utili le cicatrici. Stanno lì, sulla pelle, ruvide e rialzate oppure come solchi profondi, le carezzi e ti rammentano le ferite passate e che le ferite si rimarginano. Ogni tanto capita di scoprirne di nuove che non si conoscevano o delle quali si era persa la memoria e allora ci si domanda a quando risalgono, come ce le si è fatte. Altre volte, invece, qualcuna fa male e fa tornare più nitido il ricordo a quella battaglia vinta o perduta, ai nemici spietati…

Read More »