Category Archives: Osservando il reale

Diversi e complementari

Leggo le statistiche fornite dal Ministero della Giustizia relative ai detenuti presenti in Italia alla data del 31 gennaio 2015 e noto che ancora il numero di uomini in carcere è di gran lunga superiore a quello delle donne, addirittura con una percentuale di oltre il 95% sul totale: più precisamente su 56.238 detenuti soltanto 2.349 sono donne. Nulla di sorprendente, evidentemente, per chi questi dati li consulta di tempo in tempo, seppure va segnalato un aumento, non solo in Italia, dei reati commessi da…

Read More »

Gender e realtà

In un’intervista del 7 febbraio 2015 su ItaliaOggi online, Walter Roffo – laureato in ingegneria gestionale, famoso illusionista e formatore in corsi di aggiornamento per manager e aziende – rispondendo ad una domanda sulla predominanza di illusionisti uomini fa notare che «le donne, in genere, non smontano, le macchinine. Da bambini i maschietti smontano le macchinine e le donne creano emozionanti storie d’amore giocando con le bambole. E questo si rispecchia anche nel pubblico. Alle donne non interessa il funzionamento di un telefono, di un frullatore…

Read More »

Perchè la Madonna piange?

Una tappa a Siracusa, qualche giorno fa, per motivi di lavoro, è l’occasione per tornare ancora una volta, seppure brevemente, in uno dei santuari mariani più importanti della Sicilia, quello della Madonna delle lacrime, dov’è custodito il capezzale raffigurante il Cuore Immacolato di Maria che lacrimò miracolosamente nella casa dei coniugi Angelo Iannuso e Antonina Lucia Giusti dal ventinove agosto all’uno settembre del 1953. La mente torna alla prima visita a questo luogo – ormai tanti anni fa, all’inizio dell’adolescenza – ed alle parole della…

Read More »

Per augurare buon Natale

Natale non è soltanto la nascita di un Bambino. Sarebbe troppo riduttivo. É la nascita di un Dio che misteriosamente si è fatto uomo per condividere con gli uomini la loro condizione, liberandoli e riconducendoli al loro creatore. L’avrebbe potuto fare diversamente? Venendo nella gloria? Manifestandosi subito pienamente e chiaramente? Senza lasciare dubbi? Senza possibilità di non comprendere? No, Dio non si impone, Dio rispetta la nostra libertà, sempre. Dio si svela ma ci lascia la possibilità di scegliere e anche di non volere capire.…

Read More »

Muro di Berlino: insegnamenti per i persecutori attuali

La politica antireligiosa socialcomunista nell’Europa orientale e le modalità della sua fine danno ancora, a venticinque anni dalla caduta del Muro di Berlino, lo spunto per alcune riflessioni di un certo interesse non solo per gli storici e gli studiosi in genere, ma anche per i governanti di quei Paesi retti da governi comunisti, dove tutt’oggi persiste una politica antireligiosa ed una legislazione apertamente persecutoria per nulla diversa da quella vista in Europa nel secolo scorso, così come per quegli Stati islamici teatro di gravi…

Read More »

Un titolo fuorviante

Che a Barcellona P. G., come nel resto della Sicilia, ci sia la mafia lo si sapeva. Che questa possa essere più “forte” che in altre zone è plausibilissimo. Siamo però in epoca di globalizzazione e – seppure quella siciliana e meridionale in genere risulta peculiare per determinati aspetti organizzativi, storici e socioculturali – è pure vero che la criminalità organizzata (di tipo mafioso) è ormai presente in varie parti d’Italia e del mondo, dunque “Barcellona capitale mafiosa” risulta un titolo, a dire il meno,…

Read More »

Eroi pro life

E’ spesso acceso il dibattito – lo scontro – tra pro choice e pro life, tra abortisti e antiabortisti, tra – per usare le categorie di San Giovanni Paolo II nella Evangelium vitae – propugnatori di una cultura della morte e difensori di una cultura della vita. E spesso questo dibattito-scontro ruota intorno ad una semplice ma fondamentale questione: il concepito nel grembo materno è qualcosa oppure è qualcuno? Da questa risposta discendono evidentemente delle conseguenze estremamente diverse nel contrapporsi delle idee degli uni e degli…

Read More »

Cosa si è perso il PDL

Dopo la “diaspora” del PDL, consumatasi a cavallo delle elezioni nazionali del 2013, è ormai chiaro come forze e ambienti culturali, prima meno influenti nell’area del centrodestra, oggi stiano sempre più prendendo vigore e condizionando l’azione politica di molti. Si leggeva nel programma del PDL, proprio per le ultime elezioni nazionali: «La difesa e il sostegno alla famiglia, comunità naturale fondata sul matrimonio tra uomo e donna, la promozione della dignità della persona e la tutela della vita, della libertà economica, educativa e religiosa, della proprietà…

Read More »

Qualche idea per la destra

«Una sola è la destra, e vi appartengono tutti coloro che la religione, il bene e la gloria dello Stato hanno in mira», così Clemente Solaro della Margarita, ministro del regno di Sardegna e consigliere privato di re Carlo Alberto, già nel XIX secolo, sintetizzava la visione ideale e morale che dovrebbe caratterizzare un’area culturale e politica che possa essere autenticamente “di destra”. La religione, il bene e la gloria dello Stato: val la pena di riflettere su queste parole e chiedersi come una destra…

Read More »