Incipit

Viviamo un tempo di crisi, etica prima che economica, etica e di conseguenza anche economica, un tempo in cui ogni certezza è messa in discussione, in cui la verità è spesso negata, combattuta, derisa e smarrita.

In questo tempo, come ebbe modo di ricordare Benedetto XVI nell’Angelus del’11 marzo 2007 «accendere un fiammifero vale più che maledire l’oscurità».

Sì, è un tempo buio, un tempo in cui l’eterno scontro tra il bene e il male ha ormai assunto una portata epocale e di fronte all’attuale parossismo relativista, come affermava lo scrittore inglese Gilbert Keith Chesterton, «accenderemo fuochi per testimoniare che due più due fa quattro».

In questo tempo tetro è quindi necessario che ognuno faccia la propria scelta di campo decidendo sotto quale stendardo combattere.

Non esistono non belligeranti in questa battaglia culturale – non “libresca” ma ideale e di visione del mondo – all’esito della quale si determinerà, almeno nella prospettiva terrena, il definitivo baratro o la risalita verso l’ordine.

Ognuno di noi può fare qualcosa in questa lotta che il pensatore controrivoluzionario Juan Donoso Cortès, in una sua lettera al conte di Montalebert, presentava come mai superflua perché «in primo luogo, la lotta può ritardare la catastrofe, ed in secondo luogo essa è un dovere, e non una semplice teoria».

Questo blog vuole essere dunque un minimo apporto a questa battaglia, un fiammifero – appunto – acceso nell’oscurità di questi nostri giorni caotici, una fiammella – di pensieri e riflessioni – che insieme a tante altre possa contribuire a far risplendere ancora una volta la luce della speranza, della verità e del bene, con l’auspicio di poter dire un giorno con San Paolo «ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede» (2Tm 4, 7).

BLB

Fiamma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*